Collegamenti sponsorizzati

Rito Matrimonio Civile

Rito per matrimonio civile: le regole

Rito per matrimonio civile: le regole
Collegamenti sponsorizzati
Il rito per il matrimonio civile può essere celebrato nel municipio delle varie cittadine sul territorio nazionale, come anche in altre location. Segue delle regole precise che rientrano con formule e pratiche burocratiche necessarie per rendere effettivo il matrimonio. Di seguito troverete informazioni utili a riguardo.

Anche nel caso del matrimonio civile occorre rispettare alcune regole che fanno parte del rito del matrimonio, regole non scritte ma comunemente accettate.

Intanto anche nel rito del matrimonio civile vengono inviate le partecipazioni di matrimonio.  Anche al rito civile infatti, benché sia molto più breve rispetto a quello religioso, viene conferita una certa solennità, anche perché il comune si trova spesso all’interno di un palazzo storico. Basta pensare al Comune di Torino che mette a disposizione delle coppie che intendono sposarsi secondo il rito civile, il Teatro Carignano dove potranno celebrare il matrimonio. Altre location proposte dal comune di Torino sono la Mole Antonelliana, il Palazzo Madama e la Sala dei Marmi di Palazzo Civico, tra l'altro disponibili anche di domenica.

Anche il Comune di Roma propone molti luoghi suggestivi dove poter organizzare il matrimonio civile: la Sala Rossa in Campidoglio, posta al primo piano, elegante e abbellita dalla raffinata tappezzeria rossa, il Complesso Vignola Mattei, nei pressi di Caracalla, Villa Lais, la cui cappella è ideale per matrimoni molto  raccolti e la sala in Piazza Regina Pacis, a Ostia Lido per soli residenti.

In ogni caso, le sale del comune possono essere allestite con un addobbo floreale moto sobrio, previa autorizzazione.

Altra regola del rito del matrimonio civile è la puntualità; l’arrivo in comune della coppia deve avvenire, infatti, in perfetto orario, in quanto il ritardo non viene tollerato neanche per la sposa.  

La sposa entrerà nella sala del municipio accompagnata dal padre, che la accompagnerà fino al tavolo dell’officiante dove sarà presente lo sposo.

Il rito del matrimonio civile, in genere, è molto breve, circa 20 minuti, dove vengono letti gli articoli del codice civile dall’officiante (sindaco o un altro incaricato) tra cui l’Art. 143 c.c., Diritti e doveri reciproci dei coniugi, l’Art. 144 c.c., Indirizzo della vita familiare e residenza della famiglia e l’ Art. 147 c.c., Doveri verso i figli.

Segue la classica domanda del rito di matrimonio: “Vuoi tu avere questa Donna/Uomo per tua legittima moglie/marito, per vivere insieme secondo la legge di Dio nel santo stato del Matrimonio? Vuoi tu amarla, confortarla, onorarla ed averne cura tanto in cattiva che in buona salute; e, lasciando ogni altra, attenerti a lei sola, finchè ambidue vivrete?”.

Successivamente, secondo il rito, vengono scambiate le fedi nuziali, viene firmato il registro da parte degli sposi e dei testimoni.

La cerimonia del matrimonio civile si conclude con un breve discorso da parte dell’officiante che celebrato il rito del matrimonio civile e l’augurio di una felice vita insieme.

All’esterno del comune è possibile iniziare i festeggiamenti della cerimonia e buttare, come tradizione e consuetudine, il riso agli sposi.
Se, invece, siete di Napoli o più in generale della Campania, consigli utili su come organizzare un matrimonio civile ve li da il portale Napoliexplorer.

Riguardo le informazioni sui documenti e l’organizzazione del matrimonio civile, potete leggere Matrimonio In Comune.

Stampa, invia via email, segnala nei tuoi social network



Lascia un commento su questa pagina:

Nome (Richiesto)
E-mail (Richiesta, non sarà pubblicata)
    Riscrivi le lettere visualizzate sulla sinistra

Collegamenti sponsorizzati


Cerca nella tua Regione
Cerca nella tua Provincia
Collegamenti sponsorizzati


Scarica gratis il video 'Trovare clienti su internet' Scarica gratis la video lezione "Trovare clienti su Internet" Trova clienti su internet