Collegamenti sponsorizzati

Matrimonio Ortodosso

Il matrimonio ortodosso

Il matrimonio ortodosso
Collegamenti sponsorizzati

Nel matrimonio ortodosso, il fidanzamento e il sacramento del matrimonio, che avviene tramite l'incoronazione degli sposi, avviene nello stesso giorno. Il rito del matrimonio ortodosso è molto particolare e suggestivo. Su Nozze-Matrimonio troverete le tradizioni e il rito del fidanzamento e del matrimonio ortodosso.

Il matrimonio ortodosso è essenzialmente una rappresentazione simbolica. I momenti più importanti del matrimonio ortodosso sono due, il fidanzamento e l’incoronazione degli sposi, rituali che avvengono nello stesso giorno. Troverete informazioni utili sul matrimonio ortodosso sul sito Ortodossia,org,  Sicilia Ortodossa e Chiesa Ortodossa.
Differentemente ad altre religioni,  il matrimonio ortodosso non ha bisogno di un corso di preparazione degli sposi, ossia il corso prematrimoniale; è sufficiente portare il certificato di battesimo e fare la confessione.

Inoltre,  nel matrimonio ortodosso la morte di uno dei due coniugi non scioglie il vincolo del matrimonio. Solo il vescovo può decidere di ammettere i suoi diocesani a seconde o terze nozze che peraltro vengono celebrate con austerità. Ove sia assolutamente venuto meno l'amore coniugale può ammettersi il divorzio.

 

Matrimonio ortodosso: tradizioni prima del matrimonio e fidanzamento

Prima del matrimonio il fidanzato si reca a casa della sposa per “comprarla”, ossia per offrire una piccola somma di denaro ai parenti maschi della futura sposa. Quest’ultima, dal canto suo, dovrà regalare al suo futuro sposo un abito da lei personalmente cucito.

Il fidanzamento avviene durante l’ingresso in chiesa. Per trovare le chiese ortodosse, potete visitare Ortodoxia

Matrimonio ortodosso: cerimonia

Il matrimonio ortodosso  avviene solo di sabato. La cerimonia si svolge in questo modo: dopo la liturgia della parola, i futuri sposi entrano i futuri sposi in chiesa, seguiti dai testimoni; il sacerdote benedici per tre volte la coppia di sposi appena entrano in chiesa e consegna agli sposi un cero acceso che li guiderà all’altare dove sono presenti gli anelli. Generalmente gli anelli sono d’oro per lui e argento per lei.

Successivamente il sacerdote disegna simbolicamente con gli anelli tre croci sulla testa degli sposi e pone nell’anulare della mano destra, i rispettivi anelli.

La tradizione vuole che sia il sacerdote che gli sposi prelevino da una credenza il calice di vino e due corone di fiori e foglie , dopo aver dichiarato di unirsi in matrimonio senza alcun condizionamento esterno.  In seguito uno dei due testimoni pone la corona sul capo dello sposo, il sacerdote procede alla benedizione del calice di vino e la porge agli sposi per ben tre volte.

Infine, gli sposi vengono legati da un nastro che simboleggia la loro unione.

Dopo questo rito del matrimonio ortodosso, iniziano i festeggiamenti e le danze rituali.

 

Stampa, invia via email, segnala nei tuoi social network



Lascia un commento su questa pagina:

Nome (Richiesto)
E-mail (Richiesta, non sarà pubblicata)
    Riscrivi le lettere visualizzate sulla sinistra

Collegamenti sponsorizzati


Cerca nella tua Regione
Cerca nella tua Provincia
Collegamenti sponsorizzati


Scarica gratis il video 'Trovare clienti su internet' Scarica gratis la video lezione "Trovare clienti su Internet" Trova clienti su internet

Questo sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni.
Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Leggi informativa

Chiudi e accetta